Scuola

Distribuzione dei plessi scolastici

I plessi scolastici nell’area di riferimento sono complessivamente 46, di cui 43 statali e 3 non statali (sono scuole dell’infanzia ubicate a Borrello, Castiglione M. Marino e Palena). L’area risulta avere una scuola ogni 516 abitanti, dato inferiore rispetto alla media provinciale, regionale e nazionale. Rispetto all’estensione territoriale, l’area presente un rapporto molto alto (17,70) inversamente proporzionale alla densità della popolazione.

Figura 1 – Localizzazione dei plessi “infanzia”                           Figura 2 – Localizzazione dei plessi “primaria”

Figura 6.3 – Localizzazione dei plessi “infanzia”Figura 6.4 – Localizzazione dei plessi “primaria”

 

Figura 3 –Localizzazione dei plessi “secondaria 1^                Figura 4 –Localizzazione dei plessi secondaria 2^

 

Figura 6.5–Localizzazione dei plessi “secondaria 1

Figura 6.6–Localizzazione dei plessi “secondaria 2^”-2

 

 

 

 

 

 

 

 

Prendendo a riferimento i cinque istituti comprensivi presenti sul territorio sull’intero primo ciclo di istruzione (facendo riferimento ai tre livelli del sistema scolastico: scuole dell’infanzia, scuole primarie, secondarie di I grado), gli alunni iscritti complessivamente sono 1.985 nell’a.s. 2012/2013, rispetto ai 2.231 dell’a.s. 2008/2009. Una diminuzione percentuale dell’11% che si associa al regresso del numero dei residenti.

Nell’area si registra la presenza di pluriclassi perché, per normativa, i potenziali alunni sono spesso insufficienti al rendere plausibile il funzionamento di una struttura scolastica. In tali contesti nascono le “pluriclassi uniche”, vere e proprie “monoclassi” che raccolgono in una stessa aula alunni frequentanti dalla prima alla quinta elementare, supportati dall’esperienza di un unico professore che – in contemporanea – diversifica e svolge i programmi in base alle età dei bambini.

Per quanto riguarda i docenti, negli istituti comprensivi presenti nell’area basso Sangro-Trigno il corpo docente è formato da personale con contratto a tempo indeterminato per il 65% circa, mentre il restante è a tempo determinato. L’età media, per quasi la metà, è di oltre 50 anni. I giovani sotto i 40 anni sono sotto il 18%.

Albero dei problemi rilevati dal partenariato locale

scuola

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>